MAURIZIO PACIARIELLO pianoforte







Successivamente agli studi presso il Conservatorio “S.Cecilia” con Giuseppe Scotese,mosso dall’aspirazione di meglio comprendere e plasmare la mia forma d’artista, m’ispiro all’esperienza concertistica e didattica di Aldo Ciccolini, seguendone i Corsi per svariati anni.
Altre figure che ho sempre presenti nella mente e nel cuore sono N. Brainin e P. Badura-Skoda, per la capacità di trasmettere il loro immenso amore per la musica e per l’uomo.
In collaborazione con il violinista Marco Rogliano conseguo un premio all’Internationaler Musikwettbewerb der ARD- Munchen e debutto alla Carnegie Hall.
L’attività concertistica e la disposizione alla conoscenza mi hanno consentito di approfondire molteplici stili, dal tradizionale repertorio solistico e cameristico, alla musica più nascosta e dimenticata, fino alle poliedriche esperienze del XX secolo.
Significativo, a questo proposito, il recente interesse all’esecuzione su strumenti storici che mi ha portato a suonare su un piano Erard del 1840 (Palazzo Leoni-Montanari a Vicenza) e l’integrale delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven su un Broadwood del 1804 (Museum of the American Piano di New York) .
Attualmente sono entrato in possesso di una piccola ma rappresentativa selezione di strumenti storici, fra cui una copia di clavicordo Silbermann della fine del ‘700, un fortepiano viennese di inizio 800, un piano francese del 1840 ca.
Recentemente mi è stata fornita l’opportunità di esprimermi anche attraverso la discografia, incidendo oltre ai Concerti di F. Kuhlau e F. Berwald ,il Concerto in MI b Magg. WoO 4 (1784) di L.V. Beethoven nella nuova edizione critica realizzata da R. Diem Tigani, il Rondò in Si b Magg. ed il Concerto in Re op.61a, ottenendo importanti riconoscimenti dalla critica italiana (Musica, Amadeus, CD Classica )e riscontrando l’entusiasmo dalla musicologia internazionale (American record guide, Fanfare). A seguito del riconoscimento su Musica
( cinque stelle ) ho concorso al Prix International du Disque di Cannes.
Nel 2003 sono stato premiato dalla Junior Chamber International come
“ the outstanding young person” per l’attività nel campo delle arti.
 
@