IN CORDE 2013

Settima edizione
16-23 Novembre 2013
BUDELLO e ACCIAIO
La chitarra nelle antiche corti e nei jazz club

Conferenza stampa
Martedì 12 novembre, ore 12, presso la sede della Provincia di Bologna
Via Zamboni, 13 – 1° piano – Sala Rossa

Il festival è nato nel 2007 dalla collaborazione tra istituti musicali dell’Emilia Romagna, in particolare tra il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara, l’Istituto di studi musicali Vecchi-Tonelli di Modena e Carpi e la Nuova scuola di musica Vassura Baroncini di Imola, ai quali si è unito in questa edizione il Liceo musicale Laura Bassi di Bologna.
Altre importanti realtà che operano nella ricerca e nella produzione musicale sono parte integrante del progetto In Corde sin dall’inizio della sua attività: il Teatro Comunale di Ferrara, la Liuteria F.lli Lodi di Carpi, l’Associazione Sounday di Bologna e l’Associazione Culturale Freon Musica, che cura anche il coordinamento generale dell’iniziativa.
In Corde anche in questa VII edizione è sostenuto in primis dalla Provincia di Bologna, ormai storica istituzione di riferimento del festival, e dai partner: Assicoop Bologna, Assicoop Imola, Assicoop Modena & Ferrara (del gruppo Unipol Assicurazioni), Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, Granarolo, Utensileria Maccaferri di Cento.

Il festival 2013
Dalla corte del Re Sole al palcoscenico di Woodstock, la chitarra è protagonista trasversale nel mondo della musica. Lo testimoniano l’eclettico repertorio e la ricchissima iconografia.  Le corde, il budello degli strumenti antichi e l’acciaio delle moderne chitarre acustiche ed elettriche,  rappresentano emblematicamente i due mondi che dialogano.
La settima edizione di In Corde – dal 16 al 23 novembre – propone concerti e workshop con l’intenzione di indagare, in una visione speculare, il repertorio della cosiddetta Early Music (dal XV al XVIII sec.) e quello a noi più contemporaneo, alla ricerca di un dialogo che attraversi la storia nell’universale linguaggio della musica.
Le musiche di Mudarra, Corbetta, De Visée, si accosteranno agli echi del suono elettrico di Barney Kessel, David Gilmour….
Gli interpreti  si avvicenderanno suonando sia strumenti originali e copie dei grandi liutai del periodo antico, che esempi importanti della liuteria classica moderna e storici modelli elettrici.

CALENDARIO E PROGRAMMI
Novembre 2013

CONCERTI
Sabato 16. FERRARA
Ridotto del Teatro Comunale. Ore 17:00
El Siglo de Oro spagnolo raccontato con la musica

Alonso Mudarra (1510-1580) Pavana e Romanesca per chitarra rinascimentale
Antonio de Santa Cruz (?) Jácaras per chitarra barocca
Lucas Ruiz de Ribayaz (1626 – ?) Xacaras per chitarra barocca
Manuel de Falla (1876-1946) El paño moruno; Nana; Canción (da Siete Canciones populares españolas)
Santiago de Murcia (1673-1739) Marionas, Fandango, Tarantelas per chitarra barocca
Joaquin Rodrigo (1901-1999) Liricas castellanas (San Juan y Pascua; Despedida y soledad; Espera del amado) per soprano, flauto diritto, oboe e chitarra
Gaspar Sanz (1640-1710) Canarios, Espanoletas, Las Hachas per chitarra barocca

Rosario Cicero, chitarra rinascimentale e barocca
Daniela Cappiello, soprano; Massimiliano Fabbri, flauto rinascimentale
Giovanni Fergnani, oboe; Giulio Arnofi, chitarra
In collaborazione con la mostra Zurbarán di Ferrara Arte

Lunedì 18. MODENA
Auditorium Roberto Verti. 21:00

Giorgio Federico Ghedini (1892-1965) Studio da concerto per chitarra
Johann Sebastian Bach (1685-1750) Preludio, fuga e allegro BWV998
per chitarra (dall’orig. per liuto)
Ernst Krenek (1900-1991) Suite op.164 (Allegro moderato; Andante sostenuto; Allegretto; Larghetto; Allegro) per chitarra
Dino Mariani (1954) Perpetuum mobile (1991) per chitarra
Antonio Giacometti (1957) Jeux a deux (2003) per flauto e chitarra

Gabriele Betti, flauto; Piergiacomo Buso, Andrea Orsi, Stefano Patrizio, Francesco Rubin, chitarra

Martedì 19. PIEVE DI CENTO
Museo Magi’900
10:30 Matinée per le scuole
20:45 Concerto

Manuel Ponce (1882-1948) Intermezzo per due chitarre
Salvatore Sciarrino (1947) Mi credeva d’essar sola (Canzone veneziana da battello) per voce e chitarra
Benjamin Britten (1913-1976)
Da Six Metamorphoses after Ovid op. 49 per oboe solo (1951) Pan
Isaac Albéniz (1860-1909) Bajo la Palmera per tre chitarre
Salvatore Sciarrino (1947) Do parolete al zorno (Canzone veneziana da battello) per voce e chitarra
Benjamin Britten (1913-1976)
Da Six Metamorphoses after Ovid op. 49 per oboe solo (1951) Bacchus
Astor Piazzolla
(1912-1992) La evasion per tre chitarre
Salvatore Sciarrino (1947) Gh’è sta’ dito a la mia Nina (Canzone veneziana da battello) per voce, oboe e chitarra
Pink Floyd If  (dall’album Atom Hearth Mother) per Pop Band

Rosa D’Alise, voce; Giovanni Fergnani, oboe; Margherita Cinque, Giulio Tommasini, Luca Formigari, Giorgia Sardina, chitarra; Enrico Bellonzi, voce e chitarra elettrica; Diego Insalaco, chitarra elettrica; Piergiacomo Buso, chitarra e basso elettrico

Mercoledì 20. CARPI
Auditorium Carlo Rustichelli. 21:00

Paolo Ugoletti (1956) A Nude Dance (1994) per chitarra
John Dowland (1563-1626) Can she excuse my wrongs; Come again; My thought are winged per gruppo vocale
George Friedrich Händel (1685-1759) Suite per clavicembalo
Mauro Montalbetti (1967) Come l’acqua che scorre (1997) per chitarra
Franco Margola (1908-1992) Sonata (Moderato; Larghetto; Vivace) per due chitarre
Antonio Giacometti (1957) Vortici del ricordo – a Ennio Morricone (2008) per chitarra
Francesco Pennisi (1934-2000) Dal manoscritto Sloan (1988) per chitarra e cembalo

Alice Davolio, Andrea Orsi, Giulio Tampalini, chitarra; Elena Valentini, cembalo
Ensemble vocale La grazia delle dame (Silvia Balestra, Eugenia Carraro, Elena Carlini, Dalia Diliberto, Martina Scheda, Ilaria Mancino)

Giovedì 21. BUDRIO
Le Torri dell’acqua. Sala ottagonale. 21:00

Antonio Soler (1729-1783) Sonata n° 33
Leo Brouwer (1939)  Due Micropiezas per due chitarre
Manuel de Falla (1876-1946) El paño moruno; Nana; Canción
(da Siete Canciones populares españolas)  per voce e chitarra
Francesco Corbetta (1615-1681) Sinfonia a due (da Varii capriccii per la ghittara spagnuola) (Milano, 1643)
Andrea Falconiero (1585 o 1586-1656)  Il Spiritillo Brando; Brando Dicho El Melo
(da I Libro di Canzone, Sinfonie, Fantasie, Capricci, Brandi, Correnti, Gagliarde, Alemanne, Volte – Napoli, 1650) per chitarra barocca e cembalo
John Dowland (1563-1626) Can she excuse my wrongs; Come again; My thought are winged  per gruppo vocale
Manuel Ponce (1882-1948) Andantino (dalla Sonata); Preludio (1926 – Omaggio a Weiss) per chitarra e cembalo
Joaquin Rodrigo (1901-1999) Liricas castellanas (San Juan y Pascua; Despedida y soledad; Espera del amado) per soprano, flauto diritto, oboe e chitarra

Daniela Cappiello, voce; Massimiliano Fabbri, flauto rinascimentale; Giovanni Fergnani, oboe; Giulio Arnofi, Silvia Beggio, Arianna Coppola, chitarra; Fabiano Merlante, chitarra barocca; Marina Scaioli, cembalo
Ensemble vocale La grazia delle dame (Silvia Balestra, Eugenia Carraro, Elena Carlini, Dalia Diliberto, Martina Scheda, Ilaria Mancino)

Venerdì 22. IMOLA
Auditorium della Nuova Scuola di Musica Vassura Baroncini. 21:00

Preambolo
Omaggio al liutaio Amleto Ruffilli
 – Andrea Orsi, chitarra lira

Concerto
Sylvius Leopold Weiss
(1686-1750) Tombeau sur la mort de M: Cajetan Baron D’Hartig
 per chitarra (dall’originale per liuto)
John Lewis (1020-2001) Django (Tombeau per Django Reinhardt)
Nicola Puglielli (1962) Non scordar la memoria (2004) per chitarra elettrica
Ignazio Sfraga (1983) L’incanto (2013 Novità) per flauto e chitarra
Włodzimierz  Kotoński (1925) Trio (1960) per flauto, chitarra e percussioni
Edward Kennedy “Duke” Ellington (1899 – 1974) Solitude (testi di E. De Lange e I. Mills) per voce e chitarra elettrica (alla maniera di Barney Kessel)
Dall’album Such Sweet Thunder: Such Sweet Thunder; The Star-Crossed Lovers
per due chitarre elettriche, contrabbasso e batteria
Benny Golson (1929) Whisper Not (testo di L. Feather) per voce e chitarra elettrica
Michel Legrand (1932) The Windmills of Your Mind (testo di P. Clark)
Sholom Secunda (1894-1974) Bei Mir Bistu Shein (testo di J. Jacobs)
per voce, due chitarre elettriche, contrabbasso e batteria

Daniela Troilo, voce; Gabriele Betti, flauto; Stefano Cardi, Andrea Orsi, chitarra; Nicola Puglielli, Marco Graziani, chitarra elettrica; Roberto Bartoli, contrabbasso; Simone Cavina, batteria; Daniele Sabatani, percussioni

Sabato 23. BOLOGNA
Museo della Musica. 17:00

Robert Johnson (1582?-1633) Full fathom five
John Dowland (1563-1626) Lachrimae antiquae; The King of Denmark’s Galiard ; Captain Digorie Piper his galiard – per consort di viole
Flow My Tears per voce e liuto
Michel Legrand (1932) I Will Say Good Bye
Nicola Puglielli (1962) Non scordar la memoria (2004) per chitarra elettrica
Henry Purcell (1659 – 1695) O Solitude, My Sweetest Choice, Z 406 (testo di A. Girard de Saint-Amant) per voce e liuto
Edward Kennedy “Duke” Ellington
(1899 – 1974) Solitude (testi di E. De Lange e Irving Mills) per voce e chitarra elettrica (alla maniera di Barney Kessel)
Peter Maxwell Davies (1934) Renaissance Scottish Dances (1973) per ensemble
Intrada; Currant; Sweit smylling Katie loves me (with the Lady Louthian’s Lilte); Last time I came over the Mure; Ane Exempill of Tripla; Remember me my deir
Anthony Holborne (1545-1602) The Night Watch
Alfonso Ferrabosco il giovane (1575-1628) The Dovehouse Pavan
per consort di viole
Benny Golson (1929) Whisper Not (testo di L. Feather)
Michel Legrand (1932) The Windmills of Your Mind (testo di P. Clark)
Sholom Secunda (1894-1974) Bei Mir Bistu Shein (testo di J. Jacobs)
per voce e chitarra elettrica
Pink Floyd If  (dall’album Atom Hearth Mother) per Pop Band

Margherita Rotondi, Daniela Troilo, voci; Marzia Ottolini, flauto; Annamaria Giaquinta, clarinetto; Aldo Bianchi, violino, Alessandro Andriani violoncello; Lucio Caliendo, percussione; Enrico Bellonzi, voce e chitarra elettrica; Fabiano Merlante, liuto; Stefano Cardi, Andrea Orsi, Giorgia Sardina, chitarra; Diego Insalaco, Nicola Puglielli, chitarra elettrica; Piergiacomo Buso, basso elettrico; Ensemble di viole Il bel humore (Gianni Lazzari, viola soprano; Angela Albanese, viola tenore; Chiara Pasianotto, Silvia Guberti, Luca Scarpa, viola bassa)


WORKSHOP
La costruzione della chitarra
A cura di Gabriele Lodi – Aperto a tutti
Martedì 19. BOLOGNA
Liceo Musicale Laura Bassi. 8:30/10:30 e 11:00/13:00
Mercoledì 20. IMOLA
Auditorium della Nuova Scuola di Musica Vassura Baroncini. 17:30

Toca la guitarra!
La prima lezione di chitarra – A cura di Lorenzo Rubboli
Dedicato a bambini e ragazzi
Sabato 23. IMOLA
Casa Piani. 10:00

INCONTRO
La chitarra era una spada
L’immaginario della chitarra nei mass media (con esposizione di immagini)
Dalla collezione di Augusto Pasquali. Intervengono Stefano Cardi (direttore artistico di In Corde), Alfredo Pasquali (direttore di radio Città Fujiko e curatore del libro Carta Canta)
Sabato 23. BOLOGNA
Museo della Musica. 15:30


MUSICHE
Albéniz, Brouwer, Dowland, Ellington, Falla, Giacometti, Golson, Henze, Holborne, Johnson, Kotonski, Legrand, Lewis, Mariani, Maxwell-Davies, Montalbetti, Morley, Mudarra, Murcia, Pennisi, Piazzolla, Pink Floyd, Ponce, Purcell, Ribayaz, Rodrigo, Santa Cruz, Sanz, Sciarrino, Soler, Straga, Ugoletti
INTERPRETI
voci Daniela Cappiello, Rosa D’Alise, Margherita Rotondi, Daniela Troilo; flauto Gabriele Betti, Massimiliano Fabbri, Marzia Ottolini; oboe Giovanni Fergnani; clarinetto Anna Maria Giaquinta; violino Aldo Bianchi; violoncello Alessandro Andriani
contrabbasso Roberto Bartoli; chitarra barocca Rosario Cicero; liuto Fabiano Merlante
chitarre Giulio Arnofi, Silvia Beggio, Piergiacomo Buso, Stefano Cardi, Margherita Cinque, Arianna Coppola, Alice Davolio, Luca Formigari, Francesco Longobardi, Matteo Magnani, Andrea Orsi, Francesco Rubin, Stefano Patrizio, Serena Pedrazzoli, Giorgia Sardina, Giulio Tampalini, Giulio Tommasini; chitarra elettrica Enrico Bellonzi, Marco Graziani, Diego Insalaco, Nicola Puglielli
cembalo Marina Scaioli, Elena Valentini; batteria Simone Cavina; percussioni Daniele Sabatani
Ensemble di viole da gamba Il bel humore Gianni Lazzari, Angela Albanese, Chiara Pasianotto, Silvia Guberti, Luca Scarpa
Ensemble vocale La grazia delle dame Silvia Balestra, Eugenia Carraro, Elena Carlini, Dalia Diliberto, Martina Scheda,
Ilaria Mancino
ed i giovani interpreti dei conservatori e degli istituti di musica


FREON MUSICA &
ISTITUZIONI & PARTNERS

Conservatorio Girolamo Frescobaldi di Ferrara
Nuova scuola di musica Vassura Baroncini di Imola
Istituto di studi musicali Vecchi-Tonelli di Modena e Carpi
Liceo musicale Laura Bassi di Bologna
Liuteria F.lli Lodi
Associazione Sounday di BolognaLOGHI


Nelle corde e nel cuore…

In Corde nasce nel 2007 dalla collaborazione tra alcuni Istituti per l’Alta Formazione Musicale della Regione Emilia Romagna finalizzata ad accogliere, all’interno di uno stessa manifestazione dedicata alla chitarra, esperienze e sensibilità musicali diverse, con lo scopo di valorizzare itinerari trasversali riguardo al repertorio, alla didattica, e alla liuteria. Uno spazio aperto a disposizione di docenti, interpreti, liutai e giovani musicisti. La chitarra, uno degli strumenti più antichi della cultura musicale occidentale, è stata fra i maggiori protagonisti della musica più intima e discorsiva, di un mondo sonoro, per così dire, “sottovoce”, in ambienti in cui si sviluppava l’arte di ascoltare, la ricerca del dialogo, la voglia di fare musica insieme. Grazie alla sua forza evocativa e alla sua naturale capacità di “portare storie”, la chitarra, assieme agli altri strumenti a pizzico a lei imparentati, è la candidata ideale a fare da portavoce alle più diverse culture musicali incontrate nel corso secoli di storia.
Dalla lira di Orfeo e di Apollo alle corde dei menestrelli e dei cantastorie, dal liuto shakespeariano al calascione dei burloni della commedia dell’arte, dalla chitarra imbracciata dal più famoso Barbiere, a quella delle favelas di Orfeu negro, gli strumenti a pizzico, intimisti e notturni, sono sempre stati ideali compagni della voce umana.
A queste esperienze e a quelle più recenti della cultura chitarristica del jazz e del rock si rivolge In Corde soffermandosi di anno in anno ad osservare alcuni aspetti della cultura contemporanea nel confronto con il retaggio storico, la tradizione orale, la prassi esecutiva e di ascolto. Così è stato per l’edizione (2010) dedicata a Django Reinhardt o al Giuseppe Mazzini chitarrista (2011), ad Astoria Piazzolla (2012).
Nei suoi sei anni di attività il festival In Corde si è avvalso del sostegno di partner pubblici e privati, ha collaborato con istituzioni culturali e centri didattici e si è avvalso della contributo di musicisti, sound designer e liutai.