IN CORDE 2015


IX edizione. 20. 21. 22 novembre 2015
musicaludica
InCordeLocandina 2014 bis

Da Mozart a John Cage gioco e musica hanno camminato spesso insieme.
Ai famosi giochi musicali con i dadi Musikalisches Würfelspiel di Wolfgang, un metodo che consentiva di generare musica in maniera casuale utilizzando dei semplici dadi, fanno eco nel Novecento le combinazioni musicali del compositore statunitense generate dall’utilizzo di procedure di matrice orientale mediante l’I-Ching.

La chitarra è uno degli strumenti musicali più legati al mondo dei bambini e dei giovani per la sua immediatezza e per il suo atavico abbinamento al canto ed al racconto.
Il Gioco attraverso il mondo delle corde pizzicate sarà il tema della nona edizione di IN CORDE.

La manifestazione, la cui inaugurazione del 20 novembre, quest’anno ha voluto coincidere con la Giornata Mondiale dell’Infanzia, prevede un ricco programma di concerti, workshop e incontri e costituirà così anche l’occasione per un fine settimana artistico per gli appassionati di musica, chitarra e città d’arte.
L’edizione 2015 del festival prevede eventi matinée, pomeridiani e serali, nelle città di Bologna, Imola, Ferrara, Budrio, Modena e Carpi.
Repertori musicali differenziati, ma caratterizzati dalla matrice comune del gioco e della scoperta, saranno presentati in luoghi diversi e concorreranno tutti insieme a disegnare l’eclettico profilo della chitarra, dall’epoca rinascimentale fino agli scenari jazz e pop dei nostri tempi.


CALENDARIO E PROGRAMMI

Venerdì 20.
Ore 17:00. MODENA. Istituto Vecchi-Tonelli

Franco Margola (1908-1992) Quattro episodi
Cecilia Ricci, flauto; Daniela Visani, chitarra
Antonio Giacometti
 (1957) Gaspard de la Nuit – Sette pezzi per chitarra (1965)
Chitarristi: Piergiacomo Buso, Alice Davolio, Manuel Di Nuzzo, Matteo Magnani, Francesco Rubin, Weltur Valentini
Astor Piazzolla (1921-1992) Café 1930; Bordel 1900 (da Histoire du Tango)
Emmanuela Susca, flauto; Francesco Rubin, chitarra

Antonio Giacometti (1957)  Onze topicos brasileiros (2015-Prima) Paola Brani, chitarra
Henri Sauguet (1901 – 1989) Six pieces faciles
Petit air doux; Un bout de valse; La roue tourne; Le sommeil du pâtre; La barque chinoise; Pas à pas – 
Emmanuela Susca, flauto; Manuel Di Nuzzo, chitarra

Simone Di Benedetto (1989) Quattro miniature d’Italia (2015-Prima) Venezia di notte; Il foro imperiale di Roma; Piazza del Campo a Siena; I quartieri spagnoli di Napoli
Thomas Robinson (1560-1610) A fantasy; A Toy – Stefano Cardi, Andrea Orsi, chitarre


Venerdì 20.
Ore 18:00. IMOLA. Auditorium della Nuova scuola di musica Vassura Baroncini
A mosca cieca. Concerto del coro di voci bianche
Per la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza


Sabato 21.
Ore 17:00. FERRARA. Ridotto del Teatro Comunale

Anonimo Cancionero de Palacio (s.XV-XVI) Dindirindin
Luys de Narváez (ca.1500-1560) ¿Con qué la lavaré? (Villancico)
Alonso Mudarra (1510 -1580) Fantasia X que contrahaze la arpa en la manera de Ludovico
Federico Garcia Lorca (1898 – 1936) La Tarara
Manuel de Falla (1876 -1946) Nana
Paola Matarrese, soprano; Andrea Orsi, chitarra
Hans Werner Henze
(1926-2012)
Due movimenti da Royal Winter Music. First Sonata on Shakespearean characters (1975/1976) V. Touchstone, Audrey and William (With humor) VI. Oberon (Majestically) – Andrea Dieci, chitarra
Robert Schumann (1810-1856) Ritter vom Steckenpferd da Kinderszenen, Op. 15
Stefano Cardi, chitarra
Ernesto De Curtis (1860-1926) Carmela – testo di Giambattista De Curtis
Laura Polimeno, voce; Stefano Cardi, chitarra
Mauricio Kagel (1931-2008) Musi (1971) per orchestra a pizzico *
Henry Purcell (1659-1695) Prelude per orchestra a pizzico *
Musica di Django Reinhardt
Tolga Trio: Tolga During, chitarra solista; Lorenzo Lucci, chitarra ritmica; Matteo Zucconi, contrabbasso

* Ensemble di strumenti a corda dei Conservatori e Istituti di Ferrara, Imola, Modena e Carpi; elementi delle orchestre a plettro Caput Gauri e Gino Neri – Direttore Giulio Arnofi


Sabato 21.
Ore 21:00. CARPI. Istituto Vecchi-Tonelli

Henry Purcell (1659-1695) Prelude per orchestra a pizzico *
Henri Sauguet (1901 – 1989) Six pieces faciles
Petit air doux; Un bout de valse; La roue tourne; Le sommeil du pâtre; La barque chinoise; Pas à pas – 
Emmanuela Susca, flauto; Manuel Di Nuzzo, chitarra
Hans Werner Henze
(1926-2012) Due movimenti da Royal Winter Music. First Sonata on Shakespearean characters (1975/1976) V. Touchstone, Audrey and William (With humor) VI. Oberon (Majestically) – Andrea Dieci, chitarra
Astor Piazzolla (1921-1992) Café 1930; Bordel 1900 (da Histoire du Tango)
Emmanuela Susca, flauto; Francesco Rubin, chitarra
Andrés Segovia (1893-1987) Divertimento – Andrea Orsi, Roberto Melangola, chitarre
Mauricio Kagel (1931-2008) Musi (1971) per orchestra a pizzico *

* Ensemble di strumenti a corda dei Conservatori e Istituti di Ferrara, Imola, Modena e Carpi; elementi delle orchestre a plettro Caput Gauri e Gino Neri – Direttore Giulio Arnofi


Domenica 22.
Ore 11:00. IMOLA. Auditorium della Nuova scuola di musica Vassura Baroncini

La ballata dei potenti con Fagiolino e Sganapino in trincea
Spettacolo per Burattini e Orchestra ispirato alle gesta della Prima Guerra Mondiale
Prima nazionale
Compagnia Burattini di Riccardo (Milena Fantuzzi e Riccardo Pazzaglia)
e Osteria del mandolino (Antonio Stragapede, mandolino e chitarra; Domenico Celiberti, mandolino, violino, voce e chitarra battente; Federico Massarenti, ocarina di Budrio; Nicolò Scalabrin, chitarra). Testi e allestimento di Riccardo Pazzaglia
Musiche popolari in trascrizioni originali tra ‘800 e ‘900


Domenica 22.
Ore 11:00. BUDRIO. Le Torri dell’acqua. Sala ottagonale

Thomas Robinson (1560-1610) A fantasy; A Toy – Stefano Cardi, Andrea Orsi, chitarre
Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Tre pezzi dal Quaderno per Anna Magdalena Bach:
Menuet BWV Anhang 114; March BWV Anhang 124; Musette BWV Anhang 126
Michelangelo Severi, chitarra
Tre canti della tradizione centro-meridionale
Tradizionale (Palermo) Carnascialata dei pulcinelli
(Canto e danza. Palermo-Arr. F. Sebastiani)
Tradizionale (Lazio) La viola
Tradizionale (Campania XVIII sec.) Lo Guarracino
Laura Polimeno, voce; Stefano Cardi, chitarra
Jacques Ibert (1890-1962) Entr’acte
Emmanuela Susca, flauto; Manuel Di Nuzzo, chitarra
Robert Schumann (1810-1856) Ritter vom Steckenpferd da Kinderszenen, Op. 15
Stefano Cardi, chitarra
Ernesto De Curtis (1860-1926) Carmela – testo di Giambattista De Curtis
Laura Polimeno, voce; Stefano Cardi, chitarra
Musica di Django Reinhardt
Tolga Trio: Tolga During, chitarra solista; Lorenzo Lucci, chitarra ritmica; Matteo Zucconi, contrabbasso


Domenica 22.
Ore 17:00. BOLOGNA. Museo della Musica

Anonimo Cancionero de Palacio (s. XV-XVI) Dindirindin
Luis de Narváez (ca.1500-1560) ¿Con qué la lavaré? (Villancico)
Alonso Mudarra (1510 -1580) Fantasia X que contrahaze la arpa en la manera de Ludovico
Federico Garcia Lorca (1898 – 1936) La Tarara
Manuel de Falla (1876 -1946) Nana
Paola Matarrese, soprano; Andrea Orsi, chitarra
Isaac Albéniz (1860 – 1909) Tango in re maggiore op.165
Enrique Granados (1867 – 1918) Danza espanola n.11 (arr. M. Llobet)
Piergiacomo Buso, Manuel Di Nuzzo, chitarre
Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Tre pezzi dal Quaderno per Anna Magdalena Bach:
Menuet BWV Anhang 114; March BWV Anhang 124; Musette BWV Anhang 126
Michelangelo Severi, chitarra
Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Musikalisches Würfelspiel (Gioco musicale con i dadi) k516f  (1787) **
Mauricio Kagel (1931-2008) Musi (1971) per orchestra a pizzico *
Henry Purcell (1659-1695) Prelude per orchestra a pizzico *

* Ensemble di strumenti a corda dei Conservatori e Istituti di Ferrara, Imola, Modena e Carpi; elementi delle orchestre a plettro Caput Gauri e Gino Neri – Direttore Giulio Arnofi

** Con la partecipazione della classe di chitarra del Liceo Laura Bassi di Bologna
(Giovanni Morselli e Gianluca Arcesilai)


Domenica 22.
Ore 21:00. IMOLA. Auditorium della Nuova scuola di musica Vassura Baroncini

Andrea Orsi (1955) Tre duettini per clarinetto e chitarra (2015-Prima)
Elisa Degiorgis, clarinetto; Andrea Degiorgis, chitarra
Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Tre pezzi dal Quaderno per Anna Magdalena Bach:
Menuet BWV Anhang 114; March BWV Anhang 124; Musette BWV Anhang 126
Michelangelo Severi, chitarra
Isaac Albéniz (1860 – 1909) Tango in re maggiore op.165
Enrique Granados (1867 – 1918) Danza espanola n.11 (arr. M. Llobet)
Piergiacomo Buso, Manuel Di Nuzzo, chitarre
Tre canti della tradizione centro-meridionale
Tradizionale (Palermo) Carnascialata dei pulcinelli
(Canto e danza. Palermo-Arr. F. Sebastiani)
Tradizionale (Lazio) La viola
Tradizionale (Campania XVIII sec.) Lo Guarracino
Laura Polimeno, voce; Stefano Cardi, chitarra
Mauricio Kagel (1931-2008) Musi (1971) per orchestra a pizzico *
Henry Purcell (1659-1695) Prelude per orchestra a pizzico *

* Ensemble di strumenti a corda dei Conservatori e Istituti di Ferrara, Imola, Modena e Carpi; elementi delle orchestre a plettro Caput Gauri e Gino Neri – Direttore Giulio Arnofi


Musiche
Albeniz, Bach, Cage, De Curtis, Di Benedetto, Dowland, Falla, Giacometti, Granados, Henze, Kagel, Lorca, Margola, Mozart, Mudarra, Narvaez, Orsi, Purcell, Reinhardt, Robinson, Sauguet, Schumann, Sebastiani, musiche della tradizione
Interpreti
chitarre Paola Brani, Piergiacomo Buso, Stefano Cardi, Alice Davolio, Andrea Degiorgis, Andrea Dieci, Manuel Di Nuzzo, Matteo Magnani, Roberto Melangola, Andrea Orsi, Francesco Rubin, Michelangelo Severi, Yagmur Sivaslioglu, Weltur Valentini
Daniela Visani
liuto Fabiano Merlante; flauto Cecilia Ricci, Emmanuela Susca; Elisa Degiorgis, clarinetto;
voci Paola Matarrese, Laura Polimeno; direttore Giulio Arnofi
Tolga Trio Tolga During, chitarra solista; Lorenzo Lucci; Matteo Zucconi, contrabbasso

Ensemble di strumenti a corda dei Conservatori e Istituti di Ferrara, Imola, Modena e Carpi
Solisti delle orchestre a plettro Caput Gauri e Gino Neri, con la partecipazione dei mandolinisti della Scuola di Musica G. Neri di Ferrara preparati da Olga Popadyuk e Michelangelo Giovannini:
chitarre Piergiacomo Buso, Luca Cavallini, Matteo Magnani, Francesco Rubin, Giorgia Sardina, Samanta Zagani
mandolini primi Nicola Codecà, Paola Franchini, Stefano Maciga, Chiara Magnani, Maura Nagliati, Vincenzo Tripodo; mandolini secondi Sara Bonora, Manuel Di Nuzzo, Vincenzo Mazzanti, Giulia Monaci, Giulia Montanari; mandole Luca Bonora,Francesco Mardegan, Mattia Negrelli, Massimo Perini, Cristian Senno; violoncello Federica Riili; contrabbassi Enrico Scavo, Alessandra Bozza

Compagnia Burattini di Riccardo e Osteria del Mandolino (Antonio Stragapede, mandolino e chitarra; Domenico Celiberti mandolino, violino, voce e chitarra battente; Federico Massarenti, ocarina di Budrio; Nicolò Scalabrin, chitarra)
Testi e allestimento di Riccardo Pazzaglia


PROGETTO A CURA DI
CONSERVATORIO
Marchio NSMVB_fondo chiaro
VECCHI-TONELLI
LODI
LAURA BASSI

Ideazione e coordinamento del festival
Stefano Cardi, Andrea Orsi, Lorenzo Rubboli

ISTITUZIONI & PARTNERS
logo distrcult con cittametrobo su bianco
MUSEO DELLA MUSICA
COMUNE IMOLA
TEATRO FERRARA NEG
BUDRIO
CARI IMOLA
LOGO Maccaferri tagliato


Nelle corde e nel cuore…

In Corde nasce nel 2007 dalla collaborazione tra alcuni Istituti per l’Alta Formazione Musicale della Regione Emilia Romagna finalizzata ad accogliere, all’interno di uno stessa manifestazione dedicata alla chitarra, esperienze e sensibilità musicali diverse, con lo scopo di valorizzare itinerari trasversali riguardo al repertorio, alla didattica, e alla liuteria. Uno spazio aperto a disposizione di docenti, interpreti, liutai e giovani musicisti. La chitarra, uno degli strumenti più antichi della cultura musicale occidentale, è stata fra i maggiori protagonisti della musica più intima e discorsiva, di un mondo sonoro, per così dire, “sottovoce”, in ambienti in cui si sviluppava l’arte di ascoltare, la ricerca del dialogo, la voglia di fare musica insieme. Grazie alla sua forza evocativa e alla sua naturale capacità di “portare storie”, la chitarra, assieme agli altri strumenti a pizzico a lei imparentati, è la candidata ideale a fare da portavoce alle più diverse culture musicali incontrate nel corso secoli di storia.
Dalla lira di Orfeo e di Apollo alle corde dei menestrelli e dei cantastorie, dal liuto shakespeariano al calascione dei burloni della commedia dell’arte, dalla chitarra imbracciata dal più famoso Barbiere, a quella delle favelas di Orfeu negro, gli strumenti a pizzico, intimisti e notturni, sono sempre stati ideali compagni della voce umana.
A queste esperienze e a quelle più recenti della cultura chitarristica del jazz e del rock si rivolge In Corde soffermandosi di anno in anno ad osservare alcuni aspetti della cultura contemporanea nel confronto con il retaggio storico, la tradizione orale, la prassi esecutiva e di ascolto. Così è stato per l’edizione (2010) dedicata a Django Reinhardt o al Giuseppe Mazzini chitarrista (2011), ad Astoria Piazzolla (2012).
Nei suoi sei anni di attività il festival In Corde si è avvalso del sostegno di partner pubblici e privati, ha collaborato con istituzioni culturali e centri didattici e si è avvalso della contributo di musicisti, sound designer e liutai.


2014
2013

2012
2011
2010
2009
2008
2007

Click the up coming document https://cpimobi.com/mobile-marketing/ and mobile app advertising.